Skip links

Guida: Il Piano Editoriale Social per il Profilo Aziendale delle PMI

Cos’è un Piano Editoriale Social? Vediamo insieme gli aspetti chiave di questo strumento, di fondamentale importanza per il successo di una PMI sui Social Media, e scopriamo come organizzarlo in maniera efficace.

 

Se possiedi un profilo per la tua realtà aziendale, non puoi assolutamente farne a meno: parliamo del Piano Editoriale Social, strumento spesso sottovalutato o poco conosciuto. Posizionarsi in maniera efficace e costruire la propria presenza sui social media può risultare complesso nel lungo periodo, soprattutto quando si ha la necessità di essere costanti nella pubblicazione di contenuti. Spesso ci si ritrova a condividere contenuti “poco studiati” cosiddetti “riempitivi” nella speranza di non perdere quei tanti sudati followers che, come si sa, tendono ad abbandonare le pagine trascurate a livello contenutistico. Ma se possiedi un Piano Editoriale Social correttamente organizzato, non risentirai mai più di questi problemi.

Avere a disposizione un piano di pubblicazione specifico e sapere quali contenuti postare, in che giorno e in quale fascia oraria, è vitale: non ci possiamo permettere di lasciare il nostro profilo commerciale al caso. Al contrario, attraverso un piano editoriale ben definito possiamo produrre contenuti studiati e mirati, che siano capaci di coinvolgere il nostro pubblico e ottenere conversioni. Ma quando parliamo di Piano Editoriale per i Social Media, di che parliamo nel pratico, e come possiamo crearne uno?

Differenze Tra Piano e Calendario Editoriale

In primo luogo, ancor prima di iniziare a parlare della creazione di un Piano Editoriale Social, trovo sia doveroso distinguere i termini “piano editoriale e “calendario editoriale”, perché spesso vengono utilizzati erroneamente in maniera intercambiabile: in realtà si tratta di due passaggi ben distinti del content marketing.

Con il termine Piano Editoriale andiamo ad indicare un Documento che contiene le informazioni relative agli argomenti che dovremo necessariamente trattare nel Calendario Editoriale, oltre al formato in cui realizzare i vari contenuti.

Solo successivamente possiamo pianificare quella che viene definita come calendarizzazione dei contenuti: in questa fase si stila il vero e proprio calendario editoriale, dove andremo a fissare la data di pubblicazione dei contenuti e la piattaforma social sul quale pubblicarli. Dunque, non possiamo calendarizzare i nostri contenuti senza prima aver stabilito un preciso Piano Editoriale Social.

 

Come Creare un Piano Editoriale Social?

Realizzare efficacemente un Piano Editoriale Social può apparire complesso all’inizio, ma seguendo una serie di passaggi ben precisi, il tutto risulta molto più semplice e rapido.

Come prima cosa dobbiamo partire dall’analisi del proprio brand, cercando di individuare i nostri punti di forza che in quel momento vogliamo comunicare al nostro pubblico, la nostra cosiddetta value proposition; a questo punto dobbiamo individuare gli obiettivi che intendiamo raggiungere attraverso le piattaforme social, poiché la pianificazione dei contenuti che abbiamo organizzato dovrà assolutamente tenerne conto. Sia che si voglia lavorare sulla brand awareness della propria realtà imprenditoriale, sia che si vogliano sfruttare le potenzialità dei social per vendere e acquisire nuovi clienti, è fortemente necessario stabilirlo prima di pianificare il piano editoriale.

Una volta ultimata l’analisi del brand, occorre studiare il potenziale pubblico a cui indirizzare i post. Conoscere bene i propri seguaci e il pubblico target che potrebbe essere interessato a prodotti/servizi offerti è fondamentale: senza sapere con esattezza a chi ci si rivolge, si rischia di proporre agli utenti contenuti generici, poco attrattivi, che non genereranno conversioni né coinvolgimento da parte del pubblico.

L’ultimo passaggio da seguire, che decisamente non si può saltare ( anche se in molti tendono a bypassarlo, con risultati di solito disastrosi) è lo studio del potenziale pubblico a cui indirizzare i nostri contenuti. A chi vogliamo rivolgerci? Con quale tono di voce vogliamo comunicare? Avere una chiara visione sul nostro pubblico target che potrebbe essere interessato ai nostri prodotti/servizi offerti è vitale: senza avere chiaro questo, si rischia di produrre contenuti generalisti decisamente poco attrattivi, che non generano interazioni, conversioni o coinvolgimento da parte del pubblico.

Guida: Il Piano Editoriale Social per il Profilo Aziendale delle PMI

A questo punto ti sarà davvero semplice decidere quale sarà il tuo tono di voce nelle pubblicazioni, oltre che le parole chiave che dovrai utilizzare per colpire il tuo pubblico target. Cerca di realizzare dei contenuti che siano coerenti col tuo pubblico di riferimento, con la tua mission aziendale e con i valori che intendi comunicare. Ricorda che i contenuti che proponi devono servire a costruire la tua identità di brand aziendale agli occhi dei tuoi nuovi clienti.

Una volta che avrai compreso le tematiche che vuoi trattare, il formato da utilizzare, gli obiettivi e il pubblico a cui rivolgerti, puoi procedere a stilare il tuo Calendario Editoriale.

Come organizzare il Piano Editoriale e il successivo Calendario Editoriale in maniera pratica?

Ti consigliamo di utilizzare un foglio di lavoro elettronico in grado di farti trascrivere un elenco ( e di stamparlo all’occorrenza) come Excel , che puoi scaricare a questo link.

Oppure, se preferisci uno strumento più completo in grado di facilitare i processi del tuo Piano Editoriale Social, ti consigliamo assolutamente di dare un’occhiata a Trello, disponibile gratuitamente a questo link.

Guida: Il Piano Editoriale Social per il Profilo Aziendale delle PMI
Guida: Il Piano Editoriale Social per il Profilo Aziendale delle PMI

Conclusioni

In conclusione, un buon Piano Editoriale Social può fare la differenza in ogni business che decida di sfruttare le opportunità del digitale. Dopo questa breve guida avrai acquisito le basi per realizzare da te un buon piano, che aspetti a metterti alla prova?

Se invece necessiti di un aiuto aggiuntivo, siamo qui per aiutarti passo dopo passo a comprendere meglio questo mondo. Contattaci, saremo lieti di offrirti una consulenza gratuita.

Look Over Web Agency nasce per questo e speriamo che possa esserti di grande aiuto.

Un abbraccio,

S.

Leave a comment